capelli rientro dalle vacanze

Capelli rientro vacanze: cosa fare e quali prodotti usare

Capelli secchi, spenti, “bruciati” e con doppie punte.  Al rientro dalle vacanze, anche quando spirito e corpo appaiono rinvigoriti e rilassati, la capigliatura è un punto dolente. Sabbia, sole, salsedine, docce frequenti e prodotti sbagliati lasciano il segno. 

Piastra e phon

L’uso più frequente del phon o della piastra, una minore attenzione nell’uso del diffusore, importante per ridurre l’impatto del calore, possono contribuire allo stress del capello”. E poi c’è l’esposizione al sole.  Le conseguenze dei diversi fattori di stress che si sommano sono “una perdita di coesione del fusto, il capello bruciato e con doppie punte, che appare spento e che ha perduto la sua naturale protezione di grasso ed è quindi secco. Il capello troppo secco, è un capello malato.

 

Prodotti da usare

Necessario quindi curare, nutrire e idratare utilizzando un olio d’ argan o lino,  per ripristinare la protezione naturale perduta. Importante poi usare al massimo una noce di shampoo poco schiumogeno, il più possibile neutro, sciacquando abbondantemente, fino a togliere tutti i residui.

Il balsamo, deve essere il più possibile oleoso, meglio se arricchito di olii essenziali piuttosto che di profumazioni chimiche. Se si usano queste attenzioni i capelli possono essere lavati anche tutti i giorni, a patto che l”asciugatura sia delicata e il phon distante più di 20 centimetri dalla testa. 

Non rassegnarsi, perché di soluzioni per risolvere il problema ce ne sono tante. Dallo shampoo allo spray senza risciacquo (che puoi usare anche tutti i giorni per neutralizzare l’effetto frizz e riprendere la piega) hai solo l’imbarazzo della scelta e i benefici non si limitano all’estetica (capelli disciplinati, più luminosi e morbidi).

A volte i capelli non riflettono la luce, sembrano trasandati anche quando la piega è al top. In questo caso rivedi le cattivi abitudini, aggiungi un cucchiaio di aceto all’ultimo risciacquo (esistono anche quelli specifici che profumano di buono) e utilizza sempre un termo-protettore.


Post pubblicitario

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.