risparmio nergetico

Risparmio energetico: una soluzione possibile

Si dice spesso, intorno a noi, che l’energia sia ovunque.

Ovunque ci giriamo e ci muoviamo c’è energia; basti pensare alla energia cinetica, associata al movimento di un corpo, o anche alla energia potenziale, associata invece alla posizione. Per non parlare, poi, dell’energia meccanica, termica, elettrica, chimica o nucleare. L’energia è dappertutto, ovunque possiamo pensarla.

Come risparmiare

E’ proprio questa la ragione per cui, negli ultimi anni, il tema del risparmio energetico è tornato così prepotentemente al centro della scena e di diversi dibattici scientifici e universitari. Perché se l’energia è ovunque, come abbiamo detto all’inizio, avere la possibilità di risparmiare sull’energia diventa fondamentale, in quanto guadagno da poter reinvestire in altri settori o ambiti in cui, ovviamente, servirà nuova energia.

Anche lo stesso risparmio energetico, del resto, può poi articolarsi in diversi modi o tecniche. In genere l’espressione è omni comprensiva, tale cioè da ricomprendere ogni diversa tecnica volta a ridurre il consumo di energia, comprendendo così anche quelle tecniche di modifica dei processi energetici, in modo tale da evitare inutili sprechi, o anche di trasformazione dell’energia da una forma all’altra per aumentarne l’efficienza.

Anche ciascuno di noi, quotidianamente, ha la possibilità di fare la propria parte e portare il proprio piccolo mattoncino in termini di risparmio energetico; basti pensare, su tutti, alla illuminazione della nostra casa e a quanta energia essa richieda.

Negli ultimi anni, per limitare i consumi e favorire, appunto, il risparmio energetico, è divenuto sempre più massiccio e capillare l’impiego di lampadine a basso consumo, capaci di assicurare una efficace luminosità e qualità a basso costo.

Lampadine quali scegliere?

La durata media di tali lampadine si aggira, infatti, intorno agli 8-10 anni, garantendo delle emissioni di CO2 minime, specialmente se confrontate con quelle delle lampadine tradizionali. Simili caratteristiche consentono, quindi, a tale lampadine di essere amiche dell’ambiente ( i materiali di cui sono costituite è riciclabile quasi al 100%), senza rinunciare però alla qualità della illuminazione garantita.

Nonostante infatti la sensazione iniziale ( appena accese la luce di tali lampadine sembra un po’ fioca), trascorsi appena 60-90 secondi dalla loro accensione, le lampadine a basso consumo raggiungono il pieno della loro efficienza luminosa, assicurando così un risultato soddisfacente ed economico.

Esistono, infine, diverse tipologie e varianti di tali lampadine, adatte a qualsiasi gusto ed ambiente, ponendosi dunque quale soluzione ideale non solo per case e abitazioni, ma anche per uffici, negozi o magazzini.

Riuscire, quindi, a trovare forme e soluzioni di risparmio energetico ovunque ( come ovunque del resto è l’energia), rappresenta una delle modalità migliori per rispettare l’ambiente e le sue potenzialità, raggiungendo livelli qualitativi elevati senza tuttavia rinunciare al risparmio.


In collaborazione con “Casa delle Lampadine”- ad

Share

6 pensieri su “Risparmio energetico: una soluzione possibile

  1. Ho visitato il sito davvero molto interessante, credo che sicuramente avrò da sostituire qualche lampadina, bnon ho seguito le preziose indicazioni che mi dai e consumo troppo 🙂 Grazie!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.